Cicatrici del seno rifatto: ecco quello che c’è da sapere

2 luglio, 2020 3:22 pm scritto da Dott. Andrea Spano
Tags:

Gli interventi al seno possono regalare il décolleté dei propri sogni, ma come la mettiamo con le cicatrici?

Inutile girarci intorno: le cicatrici sul seno rifatto sono inevitabili. La pelle, infatti, ogni volta che subisce un’incisione, dà inizio a un’opera di risanamento dei tessuti che, fatalmente, produrrà delle cicatrici. Queste, a seconda della profondità e dell’estensione del taglio, saranno più o meno visibili, ma è certo che ci saranno.
Chi è in procinto di rifarsi il seno è, quindi, giustamente preoccupato degli esiti cicatriziali, ma a questo proposito ci sono un paio di aspetti da tenere in considerazione: primo, l’ampiezza delle cicatrici dipenderà dal tipo di intervento; secondo, quand’anche queste siano fonte di disagio, potranno sempre essere eliminate grazie ai trattamenti estetici più idonei.

Quali cicatrici su un seno rifatto? Dipende dal tipo di intervento

Sul seno possono essere effettuati tre tipi di interventi: la Mastoplastica Additiva, quando si desidera ottenere un seno più voluminoso, la Mastoplastica Riduttiva, quando al contrario lo si vuole ridurre, e la Mastopessi, nel caso in cui sia sufficiente riposizionarlo più in alto. A seconda del tipo di intervento, si avranno quindi diverse cicatrici, che potranno interessare il solco inframammario, il cavo ascellare, la parte bassa della mammella o la zona intorno l’areola.
Vale la pena ricordare che nel caso della Mastoplastica Additiva, le dimensioni delle protesi incideranno in modo notevole sull’estensione delle cicatrici.

Come eliminare le cicatrici dopo un intervento estetico al seno

La comparsa di cicatrici su un seno rifatto non dipenderanno solo dal tipo di intervento, ma anche dalla capacità della pelle di cicatrizzare con efficacia e dalle cure post-operatorie: reggiseni contenitivi, pulizia, medicazioni giornaliere e protezione totale dai raggi solari contribuiranno in modo incisivo a favorire i processi cicatriziali e a ridurre la visibilità dei tagli.
Ma qualora rimanessero troppo visibili e provocassero disagio, ecco che i trattamenti estetici possono venire in aiuto. Qual è il più valido trattamento estetico per eliminare le cicatrici di un seno rifatto? Il laser! Non importa che sia frazionato, ablativo o non ablativo. È il medico estetico a decidere quale sia il più adatto.
Quello che davvero conta è che il laser, magari con l’aggiunta della luce pulsata, riesce ad eliminare gli strati più superficiali della pelle, stimolando il tessuto a produrne dei nuovi, più sani e levigati, e contribuendo a rendere la cicatrice sempre meno visibile.
Inoltre, è bene sottolineare che per eliminare le cicatrici di un seno rifatto con il laser bastano poche sedute e che il risultato, una volta ottenuto, è definitivo.

CONTATTI

Ho letto l'informativa privacy e acconsento al trattamento dei dati secondo quanto stabilito dal regolamento europeo n. 679/2016, GDPR.