protesi mastoplastica milano

La scelta della protesi giusta per l’aumento del seno

27 dicembre, 2017 5:32 pm scritto da Dott. Andrea Spano
Tags: , , , ,

Protesi rotonde o anatomiche? Basta che siano naturali

 

La mastoplastica additiva è un intervento chirurgico che migliora l’aspetto e corregge le imperfezioni del seno con tecniche chirurgiche avanzate e l’utilizzo di protesi di diversa forma e misura. Le ultime tendenze in tema di chirurgia plastica ed estetica privilegiano un seno che non stravolga l’armonia della silhouette e non appaia visibilmente “finto” e ricostruito da un sedicente acrobata del bisturi. Lo dimostrano alcune attrici dello star system hollywoodiano che non fanno nulla per nascondere un décolleté attraente ma poco vistoso.
Non tutte le donne, però, convivono con serenità con un seno ipotrofico che è causa di sofferenza psicologica e che ritengono brutto e poco femminile. Lo specialista guida e consiglia la donna nella selezione delle protesi per l’aumento del seno adatte all’età e alla costituzione fisica, prestando particolare attenzione alla circonferenza toracica e al peso.

 

Mastoplastica additiva con protesi rotonde o anatomiche

 

Le protesi rotonde per mastoplastica si differenziano per il profilo, o proiezione, e sono simili per altezza e larghezza. Sono consigliate quando le mammelle sono vuote nella parte superiore e si vuole dar loro una forma piena e soda. Le protesi anatomiche per mastoplastica, invece, sono dette a goccia perché imitano la morfologia naturale della mammella e variano per modelli, per volume e proiezione. Sono scelte da molte pazienti con seno di ridotte dimensioni e/o con ptosi da lieve a moderata. Nel caso di ptosi accentuata è necessario intervenire prima con la mastopessi per rimuovere la pelle in eccesso. Il software Biodynamic, sviluppato da Allergan, è una risorsa interessante perché simula e visualizza sullo schermo l’esito estetico dell’intervento, calcolato sui parametri fisici della donna.

 

Grazia e glamour nel rispetto delle proporzioni

 

Sia le protesi rotonde per mastoplastica sia le protesi anatomiche per mastoplastica sono dispositivi medici che devono avere determinati requisiti. Cosa contengono le protesi mammarie ergonomiche Allergan Natrelle? Gel di silicone altamente coesivo, contenuto in un involucro multistrato in elastomero di silicone dalla superficie ruvida (silicone testurizzato) che rende più stabile la protesi e previene la contrattura della capsula.
La consistenza, la morbidezza al tatto e la mobilità imitano in modo sorprendente quelle della mammella. Tonde o anatomiche? Le protesi personalizzate esaudiscono il desiderio della donna di sentirsi affascinante e sensuale: al chirurgo plastico il compito di assisterla in una scelta che davvero può cambiarle la vita.

Per questo puoi rivolgerti al dottor Andrea Spano con fiducia: chirurgo estetico con comprovata esperienza a Milano e dirigente medico all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, ti saprà guidare per effettuare la scelta della protesi per la mastoplastica più adatta a te.