mastoplastica additiva

Mastoplastica additiva: prima e dopo l’intervento

23 agosto, 2018 4:35 pm scritto da Dott. Andrea Spano
Tags:

Il desiderio di regalarsi un seno nuovo è assolutamente legittimo, e in effetti la mastoplastica additiva è uno degli interventi chirurgici più richiesti dalle donne tra i 20 e i 40 anni.

Per poter affrontare al meglio questo intervento così impegnativo, però, è necessario che la paziente abbia tutte le informazioni del caso, riguardanti sia il pre che il post operazione. Solo in questo modo potrà scegliere consapevolmente se procedere con la chirurgia o se, piuttosto, optare per un aumento del seno più soft.
Ecco qualche fattore da tenere a mente prima di decidere se sottoporsi a una mastoplastica additiva.

Scegliete attentamente il chirurgo che vi seguirà, perché si parla di chirurgia plastica, non di medicina estetica. Chiedete di mostrarvi immagini dei suoi precedenti interventi di mastoplastica additiva, magari effettuati su persone con fisicità simile alla vostra, facendo particolare attenzione alle cicatrici. Questo vi darà un’idea abbastanza chiara del modo in cui il medico opera e dei risultati che è in grado di offrire.

  • Informatevi sulle tipologie di protesi da poter utilizzare, sulle possibilità di inserimento delle stesse in base alla conformazione del corpo, non abbiate paura di chiedere al chirurgo e di manifestargli desideri, dubbi o perplessità.
  • Considerate anche la possibilità di intervenire in maniera più completa o, addirittura, diversa. In alcuni casi, infatti, potrebbe essere necessaria una mastopessi, che dona al seno un effetto lifting, più sostenuto e pieno nella parte superiore. Per aumentare il seno in maniera più soft, invece, esiste il lipofilling, che aumenta leggermente il seno attraverso l’iniezione di una certa quantità del proprio grasso corporeo, prelevato da altre zone del corpo.
  • Diffidate da chi vi propone super offerte o prezzi stracciati: un lavoro di alta qualità ha un certo valore, ma anche un certo costo.
  • Ogni corpo è unico, quindi sarà impossibile ottenere un risultato uguale a qualcun altro, secondo canoni canoni estetici imposti dalla società. Bisogna sempre rispettare le proporzioni di corpo e viso, e un chirurgo che si rispetti ne è consapevole e deve comunicarvelo sin dall’inizio.
  • È possibile che, con il passare degli anni, si avrà bisogno di un altro intervento, perché gli impianti non durano per sempre.
  • Chiedete consiglio al vostro medico di famiglia, che conosce in maniera approfondita voi e la vostra storia clinica, e siate disposte ad effettuare anche tutte le visite e le analisi del caso.

E dopo l’operazione, invece, cosa dovete aspettarvi?

  • Nelle prime 48 ore dopo l’operazione, è consigliabile rimanere a riposo assoluto.
  • La vostra attività fisica andrà rivista per un po’. Nella maggior parte dei casi, per i primi mesi è meglio limitarla.
  • Bisogna fare molta attenzione a qualsiasi tipo di sforzo, in particolar modo con le braccia, per il tempo che vi indicherà il chirurgo.
  • Sarà necessario indossare la fascia o il reggiseno anatomico nei 20-30 giorni successivi all’operazione.
  • Il primo mese, dovrete dormire in posizione supina, per poi riprendere a riposare anche di lato. Per dormire anche a pancia in giù, invece, ci vorrà qualche mese.
  • Il ritorno al lavoro dipenderà dallo sviluppo del post operatorio, perché se effettuate lavori d’ufficio, allora potreste tornare in attività dopo circa una settimana, ma se il vostro lavoro richiede un sforzo fisico, allora dovrete attendere di più.
  • Per alcune settimane dopo l’operazione, non sarà possibile esporsi al sole.

Ricordate che, se vi impegnate a seguire attentamente le indicazioni del chirurgo, il recupero sarà più veloce e comodo. Prima di qualsiasi altra cosa, però, è importante pensare alla scelta del medico giusto.
Andrea Spano, chirurgo plastico di fama internazionale, che opera a Milano presso l’istituto The Clinic, ha un’esperienza pluriennale nella cura e nel trattamento del seno, e saprà seguirvi in modo professionale e affidabile per tutto il percorso pre e post operatorio.