Mastoplastica additiva: un intervento su misura

5 maggio, 2018 2:27 pm scritto da Dott. Andrea Spano
Tags: ,

Le donne possono decidere di effettuare un ingrandimento del seno per vari motivi: quando le mammelle sono poco sviluppate, asimmetriche, svuotate a seguito di un significativo dimagrimento o dopo l’allattamento, o semplicemente quando non sono in linea con i desideri della persona, facendola sentire a disagio con il proprio corpo.
Si tratta di uno degli interventi più richiesti in chirurgia estetica tra le donne dai 20 ai 40 anni, perché valorizzare il seno, elemento caratterizzante la femminilità, può restituire al corpo la giusta armonia e alla donna la sua autostima.

Ogni donna è unica, e così l’intervento al suo seno

Accade spesso che le pazienti richiedano di avere un seno come quello di un personaggio famoso a cui vorrebbero assomigliare, ma restituire forma al décolleté non è fare un copia e incolla, perché ogni donna ha caratteristiche specifiche corporee che devono essere rispettate. È fondamentale, quindi, spiegare alle pazienti quale sia l’approccio corretto all’intervento, rispettando l’armonia e le proporzioni di corpo e viso, ed evitando di riprodurre l’aspetto di qualcun altro.

La paziente deve prendere attentamente in considerazione tutti gli aspetti di un intervento di mastoplastica additiva, affinché non incorra in soprese che facciano sfumare il suo sogno di una vita.

Attenzione alle proporzioni

Per scegliere il tipo di aumento da effettuare durante l’intervento di mastoplastica additiva, è necessario valutare certamente i desideri della paziente, ma anche le sue misure corporee, per evitare di ottenere effetti innaturali e finti. Per esempio, un seno molto abbondante su un corpo molto magro, difficilmente è da l’idea di naturalezza, e a lungo andare potrebbe causare anche problemi allo scheletro, in quanto troppo pesante rispetto alle proporzioni corporee. Il chirurgo deve essere onesto e comunicare alle pazienti che con il tempo il corpo cambia, e un seno sproporzionato oggi potrebbe avere ripercussioni sulla salute di domani.

Scegliere le giuste protesi

È determinante scegliere il giusto tipo di protesi, perché in commercio ne esistono tante e di varie marche, ed è difficile orientarsi. Il paziente può chiedere al chirurgo se la marca della protesi garantisce a vita, che rappresenta uno dei principali segni di qualità dei prodotti.

Il periodo post operatorio

Dopo l’intervento di mastoplastica additiva, il recupero è abbastanza rapido e poco doloroso. Già dalla seconda settimana dopo l’operazione, è possibile ricominciare a sollevare piccoli pesi, guidare, lavorare in ufficio, e poi, a 4-6 settimane dall’intervento di mastoplastica additiva, il recupero di tutte le attività quotidiane può dirsi completo. Il consiglio è di effettuare i normali controlli al seno dopo 3, 6 e 12 mesi.

Il dott. Andrea Spano, medico chirurgo specializzato in questo tipo di interventi, vi seguirà passo passo accompagnandovi nel pre e post operazione, prendendosi cura della vostra bellezza fin dalla visita preliminare.