Glutei alti e sodi: le soluzioni non invasive

27 luglio, 2018 10:00 am scritto da Dott. Andrea Spano
Tags: , , ,

Secondo gli ultimi trend della medicina estetica, uno dei maggiori desideri delle donne, quando si parla di ritocchi, è avere un lato B da star: glutei alti e sodi, silhouette tonica e armoniosa.
Basta guardarsi intorno per capire che siamo davanti a una vera e propria rivoluzione, secondo la quale la bellezza risiede nei corpi a clessidra e nei glutei alla brasiliana, vero simbolo della femminilità.

E questa rivoluzione non interessa più solo le star hollywoodiane, ma si è diffusa tra tutte le persone che desiderano migliorare il proprio aspetto, mantenendo nel tempo risultati di elevata qualità.

Il grasso in eccesso può concentrarsi in varie parti del corpo, e le donne riscontrano i maggiori accumuli adiposi su glutei, cosce e interno delle ginocchia. Allo stesso tempo, i cambiamenti di peso possono provocare un rilassamento della pelle, che perde elasticità lasciando posto a pieghe, perdita di tono, rugosità, cedimenti.

Ogni area del corpo si modifica a proprio modo: ad esempio, i glutei tendono a riempirsi inferiormente e a svuotarsi nella parte più alta.

Arrivati a questo punto, grasso e pelle in eccesso potrebbero creare seri disagi (soprattutto con l’avvicinarsi delle tanto attese vacanze estive), e purtroppo neanche sport o alimentazione regolare risolverebbero il problema.

Per questo motivo sono sempre di più le persone che si rivolgono ai chirurghi estetici, per sconfiggere miratamente gli inestetismi cutanei e per rinnovare definitivamente il lato B.
In che modo intervenire senza invasività?

Ultrasuoni

Il patrimonio di collagene di ogni persona si consuma inevitabilmente con il passare degli anni, sia per fattori ambientali come fumo, alcol e stress, sia per predisposizione genetica, e questo causa la comparsa di cedimenti e segni antiestetici su tutto il corpo.

Per ovviare a questo problema, sono state sviluppate varie metodiche laser mirate a ricompattare la cute. Questo tipo di procedura, detta di skin tightening, permette una tonificazione più o meno marcata della pelle, con conseguente miglioramento della trama e diminuzione della lassità.
Ulthera, il lifting non chirurgico a ultrasuoni micro focalizzati, è la novità per rassodare ogni millimetro di cute, stimolandolo in profondità e rimpolpandolo.

Consideriamo che il gluteo è un muscolo pesante e che tende a cadere, se poco sollecitato con attività fisica, per questo è assolutamente necessario partire da una buona base, se si desidera che il trattamento abbia il suo giusto effetto.

Lipofilling

Tecnica ampiamente diffusa negli ultimi anni, il lipofilling consente di prelevare una certa quantità di tessuto adiposo da alcune aree del corpo attraverso la liposuzione, per poi trattarlo e iniettarlo nella porzione superiore dei glutei. Se necessario, sarà possibile completare l’opera con una liposcultura dei lati adiacenti ai glutei e delle gambe. Il risultato saranno glutei più rotondi e sollevati.

Filler

Ebbene sì, il filler non è un’esclusiva del volto, ma può essere sfruttato anche su altre parti del corpo. L’infiltrazione di acido ialuronico fornisce maggiore rotondità ai glutei, sollevandoli e volumizzandoli. Trattandosi, però, di una sostanza riassorbibile, i risultati non saranno permanenti, quindi il trattamento andrà ripetuto ogni anno.

Possiamo dire, allora, che per avere glutei alla brasiliana non è più necessaria esclusivamente la chirurgia: qualora lo stato del corpo da trattare lo consenta, e se ci si rivolge a strutture specializzate e medici competenti, si otterranno ottimi risultati e duraturi nel tempo, ma senza troppa fatica.